Excel è sicuramente l’applicazione più famosa e conosciuta per l’analisi dei dati di svariato tipo. Praticamente chiunque si è imbattuto in questo software di analisi dati sviluppato da Microsoft. Il suo punto di forza è sicuramente la sua versatilità, può essere utile in svariate situazioni e permette di fare rapidamente pulizia dati, rappresentazione e analisi dati.

Inizialmente Microsoft l’aveva sviluppato con l’intenzione di elaborare i calcoli ma con il tempo si è evoluto diventato uno strumento utile in un ampio spettro di funzioni di Business Intelligence. Questo grazie alle varie possibilità offerte da formule, tabelle, filtri e strumenti.

Vantaggi e svantaggi

Se l’analisi dati non è troppo corposa, il suo vantaggio più grosso è sicuramente la capacità di creare rappresentazioni professionali in tempi relativamente brevi.

Chiaramente prima di sceglierlo come strumento principale per l’analisi dati è bene tenere a mente i suoi limiti che sono dettati dalla ridotta capacità di gestire grandi quantità di dati. Attualmente, 2022, il limite di righe che riesce a gestire in ogni foglio è appena sopra a un milione. Può sembrare tanto, ma scontrarsi con questo limite dopo aver strutturato un sistema più o meno complesso per analizzare dei dati può portare a dover trovare soluzioni ingegnose ma poco efficienti oppure alla migrare verso un nuovo software che è un’alternativa sempre dispendiosa in termini di tempo e know-how.

Funzioni utili per l’analisi dati con Excel

Tra le funzioni più utili da conoscere troviamo:

  • CERCA.VERT (e CERCA.ORIZZ), essenziale per lavorare sulle matrici
  • INDICE + CONFRONTA (meglio conosciuto come INDEXMATCH), come alternativa a CERCA.VERT nei casi dove è possibile usarlo. Es: ricerca su parametri non univoci
  • TABELLA PIVOT,
  • FORMATTAZIONE CONDIZIONALE, per gestire la colorazione nelle celle
  • TESTO IN COLONNE, per importare dati e incolonnarli correttamente
  • CONTA.SE (e CONTA.PIÙ.SE), per contare il numero totale di celle che rispettano la condizione o le condizioni
  • SOMMA.SE (e SOMMA.PIÙ.SE), per sommare le celle che rispettano una o più condizioni
  • MACRO, per automatizzare alcune operazioni ricorrenti ma necessita di conoscenze anche software (VBA)
  • SE.ERRORE, funzione che permette di specificare un messaggio di nel caso di errore

Senza ovviamente dimenticare le più banali ma sempre fondamentali:

  • SOMMA, MEDIA, SE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.